In piazza per Terra Madre

diretta-radio2

Venerdì sera, finito di lavorare, sono salita in macchina e mi sono indirizzata alla volta di piazza Castello…il programma di Terra Madre mi interessava particolarmente: tre programmi di Radio2 (Caterpillar, Decanter e Pascal) venivano trasmessi in diretta dal palco dello stand della Regione Pimonte. Ho addirittura trovato posto a sedermi! La mia schiena ringrazia :o) (devo ammettere che la zona limitrofa al palco è ben organizzata ma, purtroppo, mi sono anche resa conto che la radio non ha gli ascoltatori che meriterebbe).

caterpillar

Sul palco ci sono Cirri e Zambotti che parlano con alcuni ospiti: al momento la diretta è sospesa, sono le 19,30 ed in piazza echeggiano le notizie del giornale radio. Vicino a me c’è l’accesso al palco ed una ragazza magra, con un vestito salopette e con degli splendidi ricci biondi legati e tenuti indietro da una fascia si inciampa accedendo alla zona dedicata alla diretta. La guardo, le sorrido. Lei borbotta qualcosa in direzione del fetente scalino e sembra un pò sulle sue. La Zabotti le si avvicina e la chiama: “Marta…”, ma allora la bionda riccioluta e la Zoboli!! E’ lì, a meno un metro da me! Artisticamente parlando mi piace tantissimo; la osservo molto, ogni tanto i nostri sguardi si incrociano e mai una volta che abbia sorriso…probabilmente, beccandomi spesso a guardarla, penserà che io sia un pò toccatina…invece sono solo una fan.
Subito dopo la diretta, il cast di Caterpillar sparisce in fretta per dare spazio al gruppo di Decanter. Ho incrociato la Zoboli nell’ora e mezza di “buco” tra Decanter e Pascal, tempo che ho dedicato per farmi un giro tra gli stand di piazza Castello. Avrei voluto avvicinarla, dirle quando mi piacciono i suoi intermezzi. Sono anch’io un’artista e so che è bello ricevere complimenti, ma poi ho ripensato alla sua espressione quando i nostri sguardi si sono incrociati ed ho desistito. Non volevo darle conferma di essere una stalker.
decanter
Fede e Tinto di Decanter hanno un rapporto con il pubblico diverso e molto più diretto, sbarazzino, molti stacchi musicali sono stati impiegati per fare delle foto con il pubblico.

pascal

Matteo Caccia, presentatore / narrante di Pascal, ha una voce calda e coinvolgente, di persona esattamente come in radio. Vorrei essere ipnotica quanto lui.
Sembra essere un affezionato di Torino: questa è la sua terza “apparizione” in città, dopo l’intervento al Salone del Libro ed un altro al Circolo dei Lettori.

Ho apprezzato le tante persone in strada: coppie, famiglie e gruppi di amici. Ogni stand con prodotti alimentari aveva coda. Pare che la scelta di quest’anno di fare la rassegna “spalmata” per la città stia premiando gli organizzatori ed è per me un bel vedere.
Ho trovato una Torino viva e vissuta, in cui le persone non stanno rintanate in casa: una botta di ottimismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...