“Vivete!” Stéphane Hessel

“Il suo libro “Indignatevi!” è stato il caso editoriale dello scorso anno. Nel giro di poco tempo è diventato il manifesto delle ultime azioni di protesta come Occupy Wall, ha ispirato il movimento degli Indignados e riportato nel dibattito civile una forte iniezione di entusiasmo.” (II di copertina)

Lo so, lo so, sarebbe stato meglio che iniziassi a leggere le opere di Stéphane Hessel da “Indignatevi!”, ma, spesso, non sono io a scegliere i libri e, soprattutto, quando leggerli. La mia relazione con loro è tutta “empatia e sentimenti” e poco cognitiva.

Prologo: io, 12 mesi fa circa, in convelescenza senza la possibilità di uscire per i miei acquisti natalizi, mi ritrovo a navigare su internet per svolgere la mia missione da “Babba Natale non a km zero, ma dallo zero movimento”.
Svolgimento: i primi siti a cui mi approccio sono proprio quelli dei libri perchè, fortunatamente, ci sono diverse persone del mio entourage che, come me, amano “vivere una vita parallela all’interno dei libri”. Tra i vari titoli da cui mi sono fatta attrarre c’era, per l’appunto, “Vivete!” di cui vi parlo oggi. Lo acquisto sapendo già a chi regalarlo, ma, forse a causa della mia poca lucidità per i problemi di salute (…o forse perchè, in quanto donna, sono una campionessa di “acquisto compulsivo”… ), per la persona in questione ho già acquistato un’altra paccata di cose, per cui, anche per egoismo, me lo tengo. Purtroppo il mio arretrato è tale che, momentaneamente, parcheggio “Vivete!” sulla libreria fino a quando non vorrà essere letto…adesso.
Epilogo: l’umanità di Hessel, la sua visione del mondo all’avanguardia, la sua spiritualità e tutti i princìpi che lo hanno motivato fino alla fine della sua vita, spingendolo anche a collaborare alla stesura della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, trasudano in ogni risposta che ha dato alle domande postegli da Patrice Van Eersel. Ogni sua parola colpisce dritta al cuore, irradiandosi in tutto il resto del corpo, fornendo “carburante” positivo per il cervello e l’anima. In questo periodo storico ne abbiamo proprio bisogno. Un mondo migliore è possibile, ma solo se tutti ci crediamo e camminiamo uniti nella stessa direzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...